Tuesday, November 27, 2007

Tenetemi lontano dalle librerie!!!!

E' pazzesco!! Se entro in una libreria, 9 volte su dieci esco con almeno un libro in mano, anzi in busta, e in almeno 5 occasioni di quelle 9 non si tratta di un libro solo. E' pazzesco perchè sì, mi piace leggere libri e solitamente quelli che compro mi interessano sul serio, ma ultimamente faccio fatica a trovare 10 minuti per sbrigare le pratiche quotidiane nell'ufficio di Fonzie. Aggiungiamoci che non sono il Niki Lauda della lettura e il risultato sarà che la mia stanza è disseminata di libri che devo ancora leggere. Sulla scrivania. Sul comodino. Su una mensola.
Prima o poi a qualcuno di questi cresceranno le gambe, si alzerà di notte, mi colpirà alla testa con un candelabro d'oro mentre dormo e se ne scapperà in Polinesia sperando di farla franca in una missione con tanti orfanelli, dove di sera cercherà di addormentarli. Ma lo maltratteranno perchè nessuno lì saprà leggere l'italiano. Così lo useranno solo in caso di "emergenze improrogabili". Andrà sicuramente così! L'unico dubbio a questo punto è: dove troverà il candelabro?
^__^

1 comment:

Gabriele GaS Carelli said...

Avevo lo stesso problema: compravo libri più velocemente di quanto riuscissi a leggerli (e leggo tanto! qualcuno dice che leggo troppo ma io non gli do retta :o) e così si accumulavano...

Per risolvere tutto è bastato sposarmi: apppena torno a casa con una busta, Silvia mi fulmina: "Non avrai mica comprato un altro libro, hai gia invaso casa, non sappiamo più dove metterli!!!) (non è vero ma, per definizione, alle mogli piace esagerare....).

Quando invece stiamo in giro insieme mi è proibito entrare in una libreria per "non perdere tempo" (Ipse dixit), l'unica eccezione mi è fatta se, accanto alla libreria, è presente una bella gioielleria (in queste condizioni, però, sono io a proporre il patto che nessuno dei due possa comprare alcunché....).

Devo dire che è stato, ed è tuttora, un buon incentivo a rallentare il ritmo con cui comprare i libri.

Statti bene,

GaS